Cervelli in fuga, perchè aderisco al manifesto di Argoneto

L’articolo è stato pubblicato su “Primo Piano” del Quotidiano della Basilicata

Carissimo direttore,

Il grido di dolore dei cervelli in fuga si mescola con il sipario calato di Mariano Paturzo.

Condivido e sottoscrivo il manifesto politico di Pierluigi Argoneto.

La presenza di tanti giovani ricercatori e la presenza “interdisciplinare” di tanti professionisti  accendono un lumicino di speranza.

Purtroppo dobbiamo fare i conti con la realtà e con i puntuali e precisi rapporti SVIMEZ.

Da anni sosteniamo che le migrazioni intellettuali in special modo quelle lucane sono  ormai intollerabili.

Non sono serviti correttivi e “percorsi di ritorno”.

Le tante ricette di economisti di grido  e i tanti laboratori posti in essere dalla Regione e da presunti Centri di eccellenza  si sono rivelati autentici flop.

E’  inutile elencarli, gli imputati sarebbero tanti.

Si parte dagli anni ottanta con le  centrali cooperative (dalla Lega alla Conf) con le ingenti risorse sull’imprenditoria giovanile e sull’edilizia agevolata.

Le Centrali cooperative si sono ritagliate da sempre un mero ruolo di supplenza e di assumificio partitocratico di riserva.

Molti funzionari di partito o di  strutture federali connesse sono passati a “stipendio” presso la  Lega o la Confcooperative.

Non dimentichiamo le ingenti risorse della 219 e i trasferimenti singolari per obiettivi fumosi.

Sull’agrindustria e sul ruolo della cooperazione lucana forse è meglio stendere un velo pietoso.

Eppure quello che Argoneto vorrebbe porre in essere con la sua “Comunità permanente” ripropone il tema tanto dibattuto e poi ignorato delle “Cooperative del Sapere”.

Gli ultimi anni della mia permanenza alla Regione sono stati caratterizzati da seminari , focus e giornate di studi sulle nuove frontiere del sapere con la presenza dirigenti della Legacoop e  del Presidente Nazionale CIU  Corrado Rossitto.

Con Legacoop e CIU (confederazione unionquadri) ci siamo sfozati di proporre un  percorso strategico basato sull’ economia della conoscenza creando  una società cooperativa formata da seri professionisti.

Professionisti chiamati a svolgere un ruolo importante ai fini del miglioramento della competitività regionale.

Una società cooperativa che doveva cogliere tutte le oppportunità per rendersi competitiva sia sul mercato nazionale che europeo.

Era sicuramente un progetto ambizioso e rivoluzionario.

Ripartiva dalla competenza e dalla cultura.

Ripartiva dai tre parametri ignorati nell’ultimo decennio da una ottusa e oligarchica classe dirigente.

I tre parametri sono  quelli della  partecipazione/condivisione, della consapevolezza e della responsabilità  e sono stati ignobilmente dimenticati.

Questi tre “parametri” di riferimento caro Argoneto sono stati del tutto vanificati da una ulteriore e iniqua legge elettorale  che ha dato ampio mandato ai partiti ,a tutto discapito di un concreto e auspicato rinnovamento.

Noi maturi ricordiamo la vecchia legge proporzionale basata sulle preferenze che ogni tanto portava sulla scena politica  un nuovo “protagonista”  frutto del rinnovamento e/o della società civile.

Era una lieta sorpresa che sconvolgeva gli assetti e le “correnti” dei partiti chiusi  ermeticamente e non disponibili a nessuna apertura.

A tal proposito sono nati movimenti e organizzazioni che hanno visto sulla scena politica degli autentici “parvenus” fuori controllo.

Erano gli anni di  Tommaso Morlino (che non ho vissuto) e quelli di Don Bisceglia, Don Peppino Grieco  e delle Comunità di Base che mi hanno visto positivo collaboratore.

Erano  il “sale” della politica che ci facevano  ben sperare in qualche positiva novità, comunque, sempre presente, in ogni competizione elettorale.

Oggi  ritroviamo chiusura, scarso entusiasmo e l’ARCA perduta, soprattutto, per noi  uomini di buona volontà , simpatizzanti e “tifosi” della buona politica, quella pulita e quella caratterizzata  dalla forte condivisione, mista a seria motivazione.

Forse con qualche dose di speranza riusciremo a ripristinare (grazie ai tanti Argoneto sparsi sul territorio) quel clima di forte emotività e di forti passioni. (Il sogno degli utopisti)

Come  negli anni passati,  se i Partiti più sensibili  avranno la volontà di esplicitare i Programmi in piena trasparenza con o senza Argoneto, con o senza le nostre Cooperative del sapere , forse, in Basilicata sarà ripristinata la partecipazione e una dose di giustizia sociale con  uno spicchio di VERITA’.

Quella “verità”che langue da decenni  sulla ignorata questione intellettuale lucana.

Una classe intellettuale  che non è più motore di cambiamento e che è il frutto delle continue e ataviche chiusure e di una presunta “globalizzazione”, mai posta, in essere, in tutte le sue varie forme liberistiche, a cominciare dalle “professioni”.

Ha prevalso un mix di confusione e di chiusure .Confusione e chiusure oligarchiche che hanno creato il deserto dei giovani ricercatori.

Tutto è stato caratterizzato dall’ improvvisazione pura.

Bonus, Borse di studio, assegni formativi, vouchers sono diventate solo “combinazioni  assistenziali”.

Mai è stato posto in essere il monitoraggio delle ricadute occupazionali (sempre scarne),mai è stato posto in essere un serio  percorso di ritorno nonostante i proclami dei vari  Documenti Strategici Regionali.

Caro Pierluigi quello che tu agogni con la tua Comunità Permanente altro non è che la  riproposizione di quei progetti (voluti solo da uomini d buona volontà) che, negli anni settanta , coniugavano “professionalità e cultura” e consentivano  la  vera “crescita democratica” delle nostre popolazioni.

Era progettualità virtuosa che, oltre, a determinare un successo democratico nelle nostre amministrazioni locali hanno avuto un crescendo di attività e di  controlli sociali dal basso che hanno portato lo “sviluppo e la competitività” tra le varie aree.

In questo modo sono nati i nostri Comitati di sostegno e sono  nate le grandi infrastrutture come l’ “Ofantina Vitalba” e le   grandi aree industriali  come quelle di San Nicola di Melfi.

Una popolazione “convinta  e responsabile”, caro Argoneto,  si appropria del territorio e crea quei processi innovatori e globalizzanti che l’ economia finanziaria  e la politica odierna hanno ridotto  drasticamente.

Gli  “spazi  operativi” da te agognati,, caro Pierluigi, li ha colti  lo storico Giuseppe Galasso nella sua prolusione,  in quel di Rionero in Vulture, (per i 150 anni dell’Unità d’Italia e alla presenza di Napolitano) sia per il nuovo Sud e sia per la Basilicata.

Un nuovo Sud e una nuova Basilicata che, come auspicato da Galasso,  devono ripartire  dai grandi meridionalisti lucani come Nitti, Fortunato,rimasti ignorati per tanto tempo, e che la Basilicata moderna della tua Comunità Permanente non può e non deve più ignorare.

Rivisitare in chiave moderna i due grandi meridionalisti, testè citati (senza alcuna vena storicistica) significa, caro Argoneto ,per noi lucani, in particolare,  essere al centro dell’attenzione  generale di un nuovo meridionalismo.

Tale possibilità è data solo dalle “nuove leggi sui Saperi” e dalla economia della conoscenza  che  cercano solo oggi e timidamente di “sfrontare”, con il coinvolgimento serio delle popolazioni locali, un iniquo  e negativo percorso politico, ormai desueto .

Tanto desueto che le ultime crisi lo hanno definitivamente  sconfitto e seppellito.

Ritroviamoci con passione e rispetto, per far si che, anche, i lucani di buona volontà, alla Argoneto, possano riappropriarsi del territorio e delle sane abitudini  di un tempo.

Sane abitudini che non risentono di “puzzetta sotto il naso” o di “boria intellettuale”, ma, che,  sono l’orgoglio  di noi tutti, per aver dato i natali a così insigni meridionalisti, come Giustino Fortunato, Rocco Scotellaro e Francesco Saverio Nitti, non dimenticando Rossi Doria e il suo incommensurabile interesse/amore per la nostra regione.

Caro Pierluigi dal territorio dobbiamo ripartire se non vogliamo sconfinare nella solita  ennesima, demenziale e snobistica “operazione intellettuale”.

Dimenticavo una cosa importante il progetto della Società Cooperativa è miseramente fallito.

mauro.armando.tita@alice.it

54
0

Post Correlati

Lascia una Risposta

Categorie

Instagram

Buongiorno.
" almeno una volta all'anno vai in un posto dove non sei mai stato prima"
#ruvodelmonte #paese #borghitalia
#Thanks 
Ph. @denjagaia 
@yallersbasilicata @basilicataturistica @basilicataturismo @basilicata_mania__ @basilicata_photogroup @basilicata_in_uno_scatto_

Buongiorno.
" almeno una volta all'anno vai in un posto dove non sei mai stato prima"
#ruvodelmonte #paese #borghitalia
#Thanks
Ph. @denjagaia
@yallersbasilicata @basilicataturistica @basilicataturismo @basilicata_mania__ @basilicata_photogroup @basilicata_in_uno_scatto_

54
0
2 giorni fa
View on Instagram |
1/9
#forzaruvo #partita

#forzaruvo #partita

54
0
3 giorni fa
View on Instagram |
2/9
I paesi lucani
quando stai per arrivare
un pò si allontano.
Forse è timidezza.
Cit.
Buongiorno da #ruvodelmonte

I paesi lucani
quando stai per arrivare
un pò si allontano.
Forse è timidezza.
Cit.
Buongiorno da #ruvodelmonte

54
0
5 giorni fa
View on Instagram |
3/9
Alza gli occhi al cielo.
L’arcobaleno... simbolo di speranza.
#ruvodelmonte #ilmiopaese #terraditradizione #photooftheday #proloco 
#Thanks

Alza gli occhi al cielo.
L’arcobaleno… simbolo di speranza.
#ruvodelmonte #ilmiopaese #terraditradizione #photooftheday #proloco
#Thanks

54
0
7 giorni fa
View on Instagram |
4/9
Arriva il natale, magia di eventi a Ruvo del Monte.
#nonfarteloraccontare❗️ #mercatinidinatale #animazionebimbi #burattini
Arriva il natale, magia di eventi a Ruvo del Monte.
#nonfarteloraccontare❗️ #mercatinidinatale #animazionebimbi #burattini

Arriva il natale, magia di eventi a Ruvo del Monte.
#nonfarteloraccontare❗️ #mercatinidinatale #animazionebimbi #burattini

54
0
1 settimana fa
View on Instagram |
5/9
Tramonto ruvese.
Buona domenica!
Grazie per aver immortalato questo bellissimo momento.
Pic @antonio_cenni

Tramonto ruvese.
Buona domenica!
Grazie per aver immortalato questo bellissimo momento.
Pic @antonio_cenni

54
0
2 settimane fa
View on Instagram |
6/9
Intitolazione dell'anfiteatro alle vittime del 23 novembre 1980.
#ruvodelmonte #intitolazione #vittime

Intitolazione dell'anfiteatro alle vittime del 23 novembre 1980.
#ruvodelmonte #intitolazione #vittime

54
0
2 settimane fa
View on Instagram |
7/9
Il Rufria...
La squadra, con i dirigenti e il mister.

#cheese #forza #squadra #noitifiamoruvo #ruvodelmonte
📷 @giotri97

Il Rufria…
La squadra, con i dirigenti e il mister.

#cheese #forza #squadra #noitifiamoruvo #ruvodelmonte
📷 @giotri97

54
0
2 settimane fa
View on Instagram |
8/9
A.S.D. RUFRIA 2018
Ecco i convocati per la gara di coppa.
20 novembre ore 16.00 SAN FELE

A.S.D. RUFRIA 2018
Ecco i convocati per la gara di coppa.
20 novembre ore 16.00 SAN FELE

54
0
3 settimane fa
View on Instagram |
9/9

Spot Proloco Ruvo

Archivi

Le nostre Nuove Storie

11
11
11
11
11
11
11
11
11