FSE e Fondo di garanzia e i sogni svaniti di tanti giovani lucani

Le risultanze positive determinate dall’ultimo Comitato di Sorveglianza per il nostro FSE hanno confermato i buoni risultati di sempre.

Da sempre  le misure e le certificazioni poste in essere dal Dipartimento Formazione della Regione Basilicata  sono considerate best practices.

Ad onor del vero da oltre un trentennio la capacità di spesa del nostro FSE è sempre stata al top.

Non si è mai concluso un Comitato di Sorveglianza con il segno “meno”.

Il Comitato di Sorveglianza ha garantito alla Regione Basilicata una giusta premialità.

La UE, con i suoi attenti e scrupolosi  funzionari, ha sempre apprezzato il lavoro encomiabile della nostra struttura formativa regionale.

La puntigliosa Maria Teresa Labanca sostiene che al  successo del dipartimento e dei suoi uffici non corrisponde ,purtroppo,una positiva e conseguente  ricaduta occupazionale.

Resta il patogeno dato della disoccupazione giovanile, resta la fuga dei nostri talenti, resta soprattutto, per l’atro versante produttivo il mancato utilizzo dei trentacinque milioni di euro del Fondo di Garanzia.

Fondo di garanzia inutilizzato dalle nostre aziende.

Siamo alle solite, il cavallo non beve.

Lo sostiene l’Assessore Pittella con un duro e incisivo intervento sul Quotidiano.

Dal mondo sindacale e del lavoro si sono levate voci  discordanti sul mancato impatto occupazionale delle varie misure poste in essere dalla Regione.

Sembra che lo slogan della CISL “Tanta spesa ,poca resa” ci debba accompagnare anche per il prossimo sessennio 2014/20.

Eppure lo dobbiamo ricordare ai tanti smemorati politici e sindacali  che “Sviluppo Basilicata” e l’Area Science Park di Trieste  dovevano supportare le nostre imprese con  tante idee e tante proposte e soprattutto con tanti progetti concreti che avrebbero  superato il circolo vizioso del nostro famigerato sottosviluppo.

Con questi presupposti avevamo auspicato per  tante imprese lucane  una nuova realtà produttiva. Una realtà  più positiva e più propositiva.

Si buttavano le basi con Sviluppo Basilicata e l’Area Science Park di trieste per  un “laboratorio” unico nel Mezzogiorno.

L’accordo con Area Science Park  garantiva, inoltre, alle imprese lucane  la consapevolezza di superare  il nodo delle dimensioni con una nuova  rete e  con un  nuovo sistema delle imprese lucane.Un nuovo sistema che poteva e doveva  guardare con fiducia al futuro.Nasceva, così,  nuovo modello di sviluppo economico regionale.

Un modello in grado di  combinare ricerca, innovazione, industria e agricoltura, turismo e ambiente.

Un modello che si ancorava  solidamente a delle reali prospettive di mercato.

Reali prospettive destinate  a creare effetti moltiplicatori per le nostre imprese e a  non entrare in crisi dopo pochi anni.

Reali prospettive capaci di dare un taglio all’imprenditoria di rapina e del mordi e fuggi.

Tutto questo doveva essere possibile se si sceglieva  con serietà  la grande strada della programmazione, sia nella formazione, sia nelle attività produttive.

Con Sviluppo Basilicata e l’Area Science Park di trieste  si aprivano scenari ambiziosi Doveva essere  un’occasione irripetibile.

Guai se si cedeva ancora una volta alla spontaneità delle scelte di gruppi “capitalistici “, fuori contesto, guai se  la Regione non interveniva  a indicare gli indirizzi, gli obiettivi  e le direttive entro cui si doveva sviluppare la vera economia produttiva  lucana.

Sviluppo Basilicata, i nuovi Bandi e i trentacinque milioni del Fondo di Garanzia, avrebbero fatto uscire le nostre imprese  dalle “nicchie” locali di mercato e le avrebbero  proiettate verso lo sviluppo economico nazionale.

Pur nell’ottimismo di maniera, noi scettici, constatavamo che, tutto ciò, era  una strada di difficile percorrenza.

Per regioni come la Basilicata e le  sue aree interne c’era sempre  il rischio che prevalessero  gli interessi  dei territorio costiero , quindi, della “polpa”.

Una “polpa” che, oggi, più di prima, sta rafforzando il suo  potere economico, a discapito delle  popolazioni dell’osso, che fanno ancora parte del ” mercato di riserva”.

Con Sviluppo Basilicata e l’Area  Science Park di Trieste doveva crescere la consapevolezza  di uno sviluppo più equilibrato.

La consapevolezza che bisognava soprattutto spingere verso gli ultimi e bisognava puntare finalmente su ricerca e innovazione.

Doveva tornare  il grande modello virtuoso lucano degli anni novanta  con  un serio e concreto impegno di tutti gli addetti ai lavori.

Un impegno che  doveva portare  a poli di sviluppo produttivo della PMI lucana con punte  di eccellenza e di qualità.L’esempio fornito dalla Barilla di Melfi era illuminante.

Per queste serie motivazioni anche il movimento sindacale lucano doveva riprendere la strada della responsabilità, non solo per confermare uno sviluppo equilibrato della regione, ma, soprattutto,  per  spingere una  classe dirigente lucana verso l’occupazione produttiva e duratura.

Il controllo sociale esercitato da un serio movimento  sindacale, sensibile e motivato, avrebbe potuto  essere la chiave di volta  non solo di una ricerca applicata per le nostre piccole imprese, ma, di un vero sviluppo delle aree interne della Basilicata.

Purtroppo i Progetti FSE della Basilicata hanno prodotto poca occupazione e Sviluppo Basilicata con l’Area Science Park di Trieste hanno fatto languire Bandi e  risorse (come quelle del fondo di garanzia) attestate alle deboli imprese lucane.

Deboli imprese i cui difetti di tenuta e di presenza sui mercati era notoria a tutti gli addetti ai lavori.

Un ruolo realmente propositivo esercitato da Sviluppo Basilicata  in grado di  trasferire alle imprese lucane il concetto di  innovazione e di ricerca, non è mai stato posto in essere.

Siamo rimasti nel Pianeta dell’Occupabilità con  il FSE e siamo fermi  al “Cavallo che non beve”… con il FERS e il Fondo di garanzia.

In queste disamanti condizioni l’entusiasmo  di tanti  giovani ricercatori lucani è sempre più scemato e ha prevalso in loro la voglia di fuggire, non più, con  la tanta odiata valigia, ma, con  un colorato Trolley, pieno di tanti tatuaggi e di tanti sogni svaniti.

mauro.armando.tita@alice.it

38
0

Post Correlati

Lascia una Risposta

Categorie

Instagram

Arriva il natale, magia di eventi a Ruvo del Monte.
#nonfarteloraccontare❗️ #mercatinidinatale #animazionebimbi #burattini
Arriva il natale, magia di eventi a Ruvo del Monte.
#nonfarteloraccontare❗️ #mercatinidinatale #animazionebimbi #burattini

Arriva il natale, magia di eventi a Ruvo del Monte.
#nonfarteloraccontare❗️ #mercatinidinatale #animazionebimbi #burattini

38
0
1 giorno fa
View on Instagram |
1/9
Tramonto ruvese.
Buona domenica!
Grazie per aver immortalato questo bellissimo momento.
Pic @antonio_cenni

Tramonto ruvese.
Buona domenica!
Grazie per aver immortalato questo bellissimo momento.
Pic @antonio_cenni

38
0
3 giorni fa
View on Instagram |
2/9
Intitolazione dell'anfiteatro alle vittime del 23 novembre 1980.
#ruvodelmonte #intitolazione #vittime

Intitolazione dell'anfiteatro alle vittime del 23 novembre 1980.
#ruvodelmonte #intitolazione #vittime

38
0
4 giorni fa
View on Instagram |
3/9
Il Rufria...
La squadra, con i dirigenti e il mister.

#cheese #forza #squadra #noitifiamoruvo #ruvodelmonte
📷 @giotri97

Il Rufria…
La squadra, con i dirigenti e il mister.

#cheese #forza #squadra #noitifiamoruvo #ruvodelmonte
📷 @giotri97

38
0
1 settimana fa
View on Instagram |
4/9
A.S.D. RUFRIA 2018
Ecco i convocati per la gara di coppa.
20 novembre ore 16.00 SAN FELE

A.S.D. RUFRIA 2018
Ecco i convocati per la gara di coppa.
20 novembre ore 16.00 SAN FELE

38
0
2 settimane fa
View on Instagram |
5/9
Buongiorno amici.

Buongiorno amici.

38
0
2 settimane fa
View on Instagram |
6/9
Buongiorno.
#proloco #ruvodelmonte #timeless #clock #basilicataturistica

Buongiorno.
#proloco #ruvodelmonte #timeless #clock #basilicataturistica

38
0
2 settimane fa
View on Instagram |
7/9
" ti insegneranno a non splendere.
E tu, splendi invece."
#ruvodelmonte #prolocounpli #basilicataturistica #basilicatadascoprire #lucaniagram 
Grazie @giovannigraziadei per questo scatto.
@lucanum_ @ig_basilicata_ @basilicatawelcome @basilicataturistica @basilicataeventi @basilicata_dascoprire

" ti insegneranno a non splendere.
E tu, splendi invece."
#ruvodelmonte #prolocounpli #basilicataturistica #basilicatadascoprire #lucaniagram
Grazie @giovannigraziadei per questo scatto.
@lucanum_ @ig_basilicata_ @basilicatawelcome @basilicataturistica @basilicataeventi @basilicata_dascoprire

38
0
2 settimane fa
View on Instagram |
8/9
<< Buona notte Madonnina mia,
Tu sei la Mamma mia:
Immacolata Concezione dammi la santa benedizione: nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.>>

<< Buona notte Madonnina mia,
Tu sei la Mamma mia:
Immacolata Concezione dammi la santa benedizione: nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.>>

38
0
3 settimane fa
View on Instagram |
9/9

Spot Proloco Ruvo

Archivi

Le nostre Nuove Storie

11
11
11
11
11
11
11
11
11