Gli istmi di Braudel e le scelte strategiche (mancate) del passato

Gli istmi di Braudel che ha richiamato il direttore Serino citando Santochirico ospite della  Milanesiana ci hanno riportato per un attimo fuggente tra  passato e futuro, memoria e tradizione.

Pure, noi lucani normali, nè snob e nè  vip, siamo stanchi di stereotipi e siamo stanchi   di questa piatta  vita meridionale.

Una vita  appassita e mediocre.

In questi giorni dopo la morte di Colombo ci siamo chiesti se  i governanti del passato  di una regione piccola come la nostra Lucania  fossero stati  in grado di  gestire al meglio le risorse energetiche?

Molte volte ci siamo chiesti se “l’approccio” paternalistico-assistenziale colombiano ha inciso sullo stereotipo lucano.

Con questa metodica abbiamo moltiplicato i nostri  sistemi idrici per risollevare le sorti della grande sete pugliese.

Molte volte ci siamo chiesti se il nostro sviluppo basato su rimesse degli emigranti e su interventi  e contributi straordinari di mano pubblica, fosse un disegno voluto e strategico dei governi nazionali  per condizionare la maggioranza dei lucani o l’indole dei lucani è vocata al puro assistenzialismo.

Oggi ci chiediamo perchè con tanta crisi energetica i governi nazionali non ci rispettano?

Con tanto petrolio e tanto gas dovremo elemosinare qualche piccola prebenda chiamata royalties.

La Robin Tax deve riguardare la nostra regione.

Non si può tollerare una “disonesta glissata” dei Governi nazionali  al riguardo.

Una cosa è certa, tutti gli uomini illustri di questa Regione, soprattutto quelli  cattolici democratici, laici e liberali  non hanno mai abbracciato supinamente le politiche dorotee del partito di maggioranza relativa.

Il pensiero forte ha avuto il suo momento culmine con Pasquale Saraceno e Manlio Rossi Doria come timidamente richiamato nei giorni scorsi dal comunista Giacomo Schettini.

Saraceno era un serio Cattolico-democratico, promoter dello SVIMEZ, Manlio Rossi Doria era un socialista -laico,  grande protagonista della Scuola di Portici.

Se il nuovo corso dato dalla  Facoltà di Economia dell’Università Basilicata partisse  da loro,  nel giro di qualche decennio la Basilicata potrebbe essere una vera Regione moderna  con tanti “attributi”.

Se la Facoltà volesse  approfondire gli studi dei due insigni meridionalisti, forse, con un po’ di ritardo,  cominceremo a creare il vero circuito virtuoso lucano.

Per circuito virtuoso si intende fare leva sui veri esperti e sui veri professionisti lucani non più emarginati dal potere tribale del  vecchio, ma sempre presente, doroteismo lucano.

Quanti uomini di cultura, della politica, delle professioni, della medicina, dell’economia hanno preferito optare per altri lidi.

L’elenco sarebbe lungo.

Vorrei citarne, uno per tutti,  il Sen. Tommaso  Morlino, esiliato,  nel Collegio di Como.

C’era un certo fastidio a dialogare con questi uomini.

Si preferiva lasciarli soli, costringendoli a soccombere.

Quando l’aria diventava  irrespirabile e pesante le mete e gli obiettivi diventavano “altro” e “altri”.

Piano Piano tanti ragazzi preparati professionalmente  preferivano la valigia.

Avevano tanta dignità e l’attesa e le greppie partitiche  non si attagliavano alle loro persone e alle loro giuste rivendicazioni.

Qualche tempo dopo tanti ragazzi della periferia lucana animavano le tante fabbriche del Nord.

Tanti di quei ragazzi erano diventati manager e dirigenti di quelle fabbriche.

Tanti di quei ragazzi oggi sono piccoli industriali del Comasco, della Brianza ecc..

Sono molto attaccati alle loro origini, amano i loro familiari e i loro amici di sempre.

“Scendono” di buon grado una settimana all’anno nei loro borghi natii.

Glissano in modo pauroso su tutte le problematiche  sociali e locali.

Sono convinti, in cuor loro, che l’unica alternativa,  allo status quo, sia, ancora una volta, l’esodo.

Partono da un ragionamento che, per loro, sembra del tutto lapalissiano.

Il ragionamento è il rapporto con le Banche e le Istituzioni.

I tempi delle Banche del Nord, uniti a tassi favorevoli,  sono esattamente ridotti della metà  rispetto a quelli lucani.

Le Banche del Nord conoscono il “Basilea due”, esaminano progetti e proposte e assegnano mutui e prestiti nel giro di qualche mese.

Ignorano la presenza e il filtro dei politici.

Sono supportati da veri staff in grado di redigere in pochi minuti  positivi  bussiness plan.

Provate a chiedere a una qualsiasi Banca del Sud se, in qualche mese, sono in grado di produrre le stesse perfomances  con gli stessi risultati.

La risposta sarà  un disarmante “non commment”.

Inizierà lo stillicidio del politico di turno e i tempi si allungheranno a dismisura.

Nel frattempo inizierà un’altro grosso problema.

L’eventuale ubicazione del sito industriale.

Il politico del Nord non si opporrà mai  sulla ubicazione scelta dall’imprenditore.

L’imprenditore del Nord ubicherà la propria fabbrica nel sito nevralgico vicino ai mercati più prospicienti.

Il politico del Sud ingaggerà un “sanguinaria battaglia” per la scelta del sito industriale.

L’imprenditore dovrà subire, ob torto collo,  le volontà del politico.

Qualche anno dopo l’imprenditore inizierà l’opera di delocalizzazione prima e di licenziamento dopo.

Il quadro di riferimento è certamente angosciante, imbarazzante, ma, forse, terribilmente vero.

L’imprenditore del Nord di origine lucana conosce questo modus operandi , come le sue tasche.

Non è propenso, in alcun modo, a investire nella propria terra di origine,  perchè la realtà locale si ciba ,ancora,  di questi aspetti patogeni.

Sono passati oltre quarant’anni, la Confindustria lucana, L’Università e i Centri di Eccellenza con la Regione,  muovono  solo oggi i primi vagiti verso  un nuovo tessuto connettivo.

Un nuovo tessuto connettivo che, timidamente, affronta il campo della “ricerca e dell’innovazione”.

Il contesto in cui si muove è, purtroppo, dolorosamente doroteo e provinciale.

Doroteo come concezione tribale.

Doroteo come chiusura illiberale.

Doroteo come  pensiero chiuso e provinciale, settario e familistico.

Questi sono i vizi che a distanza di quarant’anni riscontriamo ancora oggi.

Le Indagini Svimez, Istat, Censis, Eurispes non stravolgono di un millimetro questo staus quo.

Uno status quo concepito con un  modello centripeto patogeno.

Tutto deve riguardare il capoluogo di Regione.

Gli altri Centri  devono “satellizzare” intorno al Capoluogo e non chiedere mai deleghe e decentramenti di natura opposta.

La natura centrifuga non è ammessa.

Sono  ammessi solo piccoli specchietti girevoli.

Il Capoluogo potrà perdere qualche centinaio di abitanti ogni anno, ma, rispetto all’esodo giovanile , massiccio e biblico,  dei nostri paesini, tutto ciò risulterà ininfluente.

Si continuerà con lo stesso andazzo di sempre.

I tanti privilegiati saranno sempre più ovattati dalle loro mammine.

I “babbi” acquisteranno , per i loro figlioli,  i lussuosi appartamenti di ultima generazione.

Prolifereranno le agenzie di viaggio  sotto casa.

Le vacanze saranno sempre più esotiche.

Lo shopping continuerà a Via Condotti.

Noi del Quotidiano denunceremo sempre più.

Qualche magistrato onesto farà qualche blitz.

Qualche cronista denuncerà i misteri lucani.

Tanti giovani lo seguiranno solo durante il loro corso di studi.

Poi anche loro emigreranno e il cerchio si chiuderà qui.

Tutto sarà terribilmente fermo, nonostante gli istmi di santochirico e il presunto velleitarismo materano di Capitale Europea della Cultura 2019.

MauroArmandoTita@alice.it

48
0

Post Correlati

Lascia una Risposta

Categorie

Instagram

Buongiorno.
" almeno una volta all'anno vai in un posto dove non sei mai stato prima"
#ruvodelmonte #paese #borghitalia
#Thanks 
Ph. @denjagaia 
@yallersbasilicata @basilicataturistica @basilicataturismo @basilicata_mania__ @basilicata_photogroup @basilicata_in_uno_scatto_

Buongiorno.
" almeno una volta all'anno vai in un posto dove non sei mai stato prima"
#ruvodelmonte #paese #borghitalia
#Thanks
Ph. @denjagaia
@yallersbasilicata @basilicataturistica @basilicataturismo @basilicata_mania__ @basilicata_photogroup @basilicata_in_uno_scatto_

48
0
2 giorni fa
View on Instagram |
1/9
#forzaruvo #partita

#forzaruvo #partita

48
0
3 giorni fa
View on Instagram |
2/9
I paesi lucani
quando stai per arrivare
un pò si allontano.
Forse è timidezza.
Cit.
Buongiorno da #ruvodelmonte

I paesi lucani
quando stai per arrivare
un pò si allontano.
Forse è timidezza.
Cit.
Buongiorno da #ruvodelmonte

48
0
5 giorni fa
View on Instagram |
3/9
Alza gli occhi al cielo.
L’arcobaleno... simbolo di speranza.
#ruvodelmonte #ilmiopaese #terraditradizione #photooftheday #proloco 
#Thanks

Alza gli occhi al cielo.
L’arcobaleno… simbolo di speranza.
#ruvodelmonte #ilmiopaese #terraditradizione #photooftheday #proloco
#Thanks

48
0
7 giorni fa
View on Instagram |
4/9
Arriva il natale, magia di eventi a Ruvo del Monte.
#nonfarteloraccontare❗️ #mercatinidinatale #animazionebimbi #burattini
Arriva il natale, magia di eventi a Ruvo del Monte.
#nonfarteloraccontare❗️ #mercatinidinatale #animazionebimbi #burattini

Arriva il natale, magia di eventi a Ruvo del Monte.
#nonfarteloraccontare❗️ #mercatinidinatale #animazionebimbi #burattini

48
0
1 settimana fa
View on Instagram |
5/9
Tramonto ruvese.
Buona domenica!
Grazie per aver immortalato questo bellissimo momento.
Pic @antonio_cenni

Tramonto ruvese.
Buona domenica!
Grazie per aver immortalato questo bellissimo momento.
Pic @antonio_cenni

48
0
2 settimane fa
View on Instagram |
6/9
Intitolazione dell'anfiteatro alle vittime del 23 novembre 1980.
#ruvodelmonte #intitolazione #vittime

Intitolazione dell'anfiteatro alle vittime del 23 novembre 1980.
#ruvodelmonte #intitolazione #vittime

48
0
2 settimane fa
View on Instagram |
7/9
Il Rufria...
La squadra, con i dirigenti e il mister.

#cheese #forza #squadra #noitifiamoruvo #ruvodelmonte
📷 @giotri97

Il Rufria…
La squadra, con i dirigenti e il mister.

#cheese #forza #squadra #noitifiamoruvo #ruvodelmonte
📷 @giotri97

48
0
3 settimane fa
View on Instagram |
8/9
A.S.D. RUFRIA 2018
Ecco i convocati per la gara di coppa.
20 novembre ore 16.00 SAN FELE

A.S.D. RUFRIA 2018
Ecco i convocati per la gara di coppa.
20 novembre ore 16.00 SAN FELE

48
0
3 settimane fa
View on Instagram |
9/9

Spot Proloco Ruvo

Archivi

Le nostre Nuove Storie

11
11
11
11
11
11
11
11
11