Incompiute. Un male endemico lucano e meridionale. Dove sono finiti i Comitati referendari sull’Acqua Pubblica

La linea editoriale data da Paride Leporace e da Lucia Serino sul giornalismo d’inchiesta, è giornalismo vincente.

Seguiamo  con particolare “morbosità” le inchieste delle “ragazze” del Quotidiano.

E’ un giornalismo che merita  rispetto e continuità.

Un giornalismo che ci porta una ventata di aria fresca e rigeneratrice.

Senza questo “vento” l’aria  sarebbe stata uno stagno putrido.

Al contrario, con mia profonda amarezza dobbiamo registrare (è una mia  convinzione) un giornalismo, cosiddetto, di opinione, larvato di pseudo-denunce, ma, imbevuto di tanto gattopardismo.

E’ un mondo che cambia restando uguale a se stesso.

E’ quello che è avvenuto in questi venti, lunghi e tormentati, anni di seconda repubblica.

Venti anni di immobilismo e di vero gattopardismo.

Da secoli  siamo diventati noiosi e petulanti denunciando una mancata, corretta e rigorosa applicazione  delle analisi costi/benefici su tutte le infrastrutture primarie e su tutte le opere pubbliche.

Analisi costi/benefici vincolate a  rigore scientifico e controllate da competenti e severi team  superpartes e non da “quinte colonne” delle varie  “stazioni appaltanti”.

I casi Total, ENI e FENICE e le varie indagini della magistratura lucana  non sono stati  fulgidi esempi di correttezza.

Non vogliamo più infierire, abbiamo dedicato  fiumi di parole e di denunce e siamo stanchi pure noi.

Il caso emblematico del depuratore consortile raccontato con chiarezza da Antonella Giacummo ripropone il tema delle incompiute.

Una marea di opere che dalle “Ferrovie” di Matera (oggetto di “Striscia” per decenni)al depuratore della Camastra per non parlare del nostro Centro Servizi, delle Saurine,Basentane, Nerico e chi più ne ha più ne metta ( tralasciamo per carità di DIO le patogene dismissioni industriali) sono un ginepraio di incompiute miliardarie (lire).

Alle incompiute fanno da contraltare i plurincarichi generosamente distribuiti dai nostri stupendi e gattopardiani politici di turno agli studi professionali (Margiotta, in primis) che collezionano incarichi per centinaia di miliardi (lire).

Non vogliamo entrare nel merito di tante scelte politiche di dubbia moralità, utilità e resa.

Ma, mi preme richiamare l’attenzione su un altro comparto a noi tanto caro.

Un comparto come quello delle acque minerali supportato da recentissime, precise e puntuali ricerche del bravo Andrea Gerardi nell’oblìo asoluto del Movimento dei Comitati referendari sull’Acqua pubblica.

Dopo aver tanto auspicato come Andrea Gerardi  un nuovo turismo per Monticchio (con la sua crisi strutturale)  ora ci preme richiamare di nuovo l’attenzione sul mai risolto problema delle acque minerali lucane.

Acque minerali che dopo i recentissimi e postivi casi  di Cutolo e Viggianello risolti brillantemente dall’Assessore Pittella hanno prodotto  tanta buona occupazione e tanto impatto positivo nelle aree di bacino.

Per queste ragioni il tema delle acque minerali con le  sue ricadute occupazionali non può essere più una mera denuncia giornalistica.

Deve essere qualcosa che vada a incidere sulle Finanziarie regionali  (questa volta, seriamente) con una rigorosa analisi costi/benefici.

Qualche mese fa, perfino,  Pietro Simonetti, già consigliere regionale di Rifondazione comunista (con un mandato ultra decennale)  denunciava  l’irrisorietà contributiva delle royalties delle acque minerali lucane.

Milioni di bottiglie con tanti milioni incassati da multinazionali e gruppi imprenditoriali del Nord e con una  Proposta di legge  Singetta che  razionalizzava  l’universo delle acque lucane, che  aveva prodotto e incontrato tante aspettative e  tanti commenti lusinghieri.

Oggi siamo al pavimento levigato dello studio di  Singetta  e, forse, con tanta disonestà intellettuale abbiamo dimenticato la trasversalità prodotta  dalla sua proposta di legge.

Una PdL che giace da tempo ingiustificato nei cassetti  delle Commissioni preposte.

Una proposta di legge che ci aveva impressionato e meravigliato.

Dopo anni di oscure manovre intentate da furbi consiglieri sempre  a scapito delle casse regionali constatavamo, finalmente, una chiara ed univoca inversione di tendenza.

Era una trasversalità che giudicavamo oltremodo positiva e foriera di propositività  per l’avvenire.

Sembrava un tema ricorrente e lapalissiano. Non lo era.

La proposta di legge trasversale per le acque minerali e termali riproponeva il nostro dibattito, post referendario, tout court.

Quello che noi avevamo accoratamente richiesto ai Comitati referendari  dell’Acqua pubblica era stato incredibilmente recepito dalla PdL, Singetta, primo firmatario, dei Consiglieri regionali.

Era una rivolzione copernicana.

I consiglieri Regionali per la prima volta chiudevano con il passato e con  i cavilli “pro aziendam”.

Per la prima volta i Consiglieri chiudevano con  i Clientes e ponevano al centro dei loro interessi politici il bene pubblico.

Con questa pdl non avremo avuto più aperture ambigue per  concessioni cinquantennali  con silenzi assordanti  delle P. A. lucane e  assensi  di politici  di basso profilo.

Politici pronti a  rimuovere ostacoli burocratici a favore dei furbi  a discapito delle casse regionali.

Per queste ragioni e con queste premesse il MOVIMENTO dei Comitati referendari dell’Acqua, quelli che avevano brindato con lo  spumante ed erano evaporati il giorno dopo, quelli che avevano raggiunto le sorgenti del Pollino quelli che avevano  boriosamente polemizzato con gli opinionisti del Quotidiano  e con altre testate giornalistiche, oggi, alla luce delle dichiarazioni e delle nostre denunce sono stati  nuovamente sconfitti.

Come avevamo amaramente,  pronosticato  la tanto agognata nuova disciplina  non era  il frutto delle proposte referendarie, ma, di un orgoglioso  gruppo trasversale di Consiglieri regionali.

I Comitati referendari dell’acqua pubblica dopo il bulgaro  successo elettorale si sono autoevaporati e si sono  arresi senza aver mai avuto il riconoscimento politico-istituzionale con  relativa  legittimazione. (per la loro  presunta vittoria).

I  risultati prodotti sono, ancora, oggi   del tutto negativi e  scarni.

Questi Comitati hanno  abbassato la guardia  e non sono stati capaci di ridisegnare ruoli e funzioni degli ATO, dell’Acquedotto lucano e delle Acque minerali e termali.

Il solo Singetta con la sua PdL  ha smosso acque stagnanti e torbide.

Oggi ci ritroviamo solo con scontrini e magna casta,  con  le dispute dei boiardi alle prese con ATO e Acquedotto Lucano e i loro ricchissimi emolumenti  mai  seriamente ritoccati.

I Comitati  referendari dell’acqua pubblica non sono stati in grado di spulciare  nei meandri della sonnacchiosa burocrazia regionale e, quindi, non conosceremo mai i veri responsabili delle  gravissime inadempienze del passato e delle negative ricadute del presente.

A noi, uomini di buona volontà ci era  piaciuto tanto  prendere nota delle dichiarazioni dell’allora Consigliere Braia (oggi assessore alle Infrastrutture)  che avendo ripreso i nostri editoriali  aveva  crudamente e crudelmente dettagliato l’importo parziale delle aziende (283 milioni di euro ) a fronte dei  poveri 305 mila euro di royalties incassati (si fa per dire) dalla Regione.

E’ un dato che si commentava da solo. Spero che il duo Braia/Pittella dopo questa ennesima denuncia  con coerenza ripropongano il tema delle royalties delle acque minerali partendo proprio dalla PdL Singetta.

Niente sarà più consentito. Niente passerà inosservato nonostante l’assordante silenzio dei Movimenti Referendari.

Ben vengano tante  di queste proposte trasversali.

Proposte che ripropongono la vera politica, quella che da indirizzi e coordina progetti concreti e che sconfigge l’interesse privato  premiando il Bene pubblico, l’Istituzione/ Regione, la sua economia e i suoi soggetti  più virtuosi.

mauro.armando.tita@alice.it

51
0

Post Correlati

Lascia una Risposta

Categorie

Instagram

Arriva il natale, magia di eventi a Ruvo del Monte.
#nonfarteloraccontare❗️ #mercatinidinatale #animazionebimbi #burattini
Arriva il natale, magia di eventi a Ruvo del Monte.
#nonfarteloraccontare❗️ #mercatinidinatale #animazionebimbi #burattini

Arriva il natale, magia di eventi a Ruvo del Monte.
#nonfarteloraccontare❗️ #mercatinidinatale #animazionebimbi #burattini

51
0
1 giorno fa
View on Instagram |
1/9
Tramonto ruvese.
Buona domenica!
Grazie per aver immortalato questo bellissimo momento.
Pic @antonio_cenni

Tramonto ruvese.
Buona domenica!
Grazie per aver immortalato questo bellissimo momento.
Pic @antonio_cenni

51
0
3 giorni fa
View on Instagram |
2/9
Intitolazione dell'anfiteatro alle vittime del 23 novembre 1980.
#ruvodelmonte #intitolazione #vittime

Intitolazione dell'anfiteatro alle vittime del 23 novembre 1980.
#ruvodelmonte #intitolazione #vittime

51
0
4 giorni fa
View on Instagram |
3/9
Il Rufria...
La squadra, con i dirigenti e il mister.

#cheese #forza #squadra #noitifiamoruvo #ruvodelmonte
📷 @giotri97

Il Rufria…
La squadra, con i dirigenti e il mister.

#cheese #forza #squadra #noitifiamoruvo #ruvodelmonte
📷 @giotri97

51
0
1 settimana fa
View on Instagram |
4/9
A.S.D. RUFRIA 2018
Ecco i convocati per la gara di coppa.
20 novembre ore 16.00 SAN FELE

A.S.D. RUFRIA 2018
Ecco i convocati per la gara di coppa.
20 novembre ore 16.00 SAN FELE

51
0
2 settimane fa
View on Instagram |
5/9
Buongiorno amici.

Buongiorno amici.

51
0
2 settimane fa
View on Instagram |
6/9
Buongiorno.
#proloco #ruvodelmonte #timeless #clock #basilicataturistica

Buongiorno.
#proloco #ruvodelmonte #timeless #clock #basilicataturistica

51
0
2 settimane fa
View on Instagram |
7/9
" ti insegneranno a non splendere.
E tu, splendi invece."
#ruvodelmonte #prolocounpli #basilicataturistica #basilicatadascoprire #lucaniagram 
Grazie @giovannigraziadei per questo scatto.
@lucanum_ @ig_basilicata_ @basilicatawelcome @basilicataturistica @basilicataeventi @basilicata_dascoprire

" ti insegneranno a non splendere.
E tu, splendi invece."
#ruvodelmonte #prolocounpli #basilicataturistica #basilicatadascoprire #lucaniagram
Grazie @giovannigraziadei per questo scatto.
@lucanum_ @ig_basilicata_ @basilicatawelcome @basilicataturistica @basilicataeventi @basilicata_dascoprire

51
0
2 settimane fa
View on Instagram |
8/9
<< Buona notte Madonnina mia,
Tu sei la Mamma mia:
Immacolata Concezione dammi la santa benedizione: nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.>>

<< Buona notte Madonnina mia,
Tu sei la Mamma mia:
Immacolata Concezione dammi la santa benedizione: nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.>>

51
0
3 settimane fa
View on Instagram |
9/9

Spot Proloco Ruvo

Archivi

Le nostre Nuove Storie

11
11
11
11
11
11
11
11
11