La protervia dei protetti dell’ARPAB e il ruolo “passivo” e assenteista del personale del sottogoverno regionale e degli Enti Locali

Pubblicato sulla pagina di PRIMO PIANO del Quotidiano della Basilicata del 12 giugno c.m.

Da secoli denunciamo lo spreco, le disgustose clientele e l’andazzo maleodorante del sottogoverno lucano.

Il  Caso Vita/Fannulloni è l’emblema di una protervia e di una supponenza partitocratica e pansindacale accentuata.

Il tema della macchina organizzativa dei nostri Enti sub regionali, forse,  potrebbe non interessare una distratta  opinione pubblica lucana.

Forse non tutti sanno che l’ organizzazione  burocratico-amministrativa del sottogoverno lucano “riassume” un buon 60% delle attività produttive locali legate all’Energia (SEL), all’Edilizia (EPER) all’Agricoltura e all’Agrindustria,(ALSIA e Arbea) e all’Ambiente (ARPAB).

Sono tanti gli atti amministrativi  e monocratici della “burocrazia” subregionale.

Il Bando di evidenza pubblica, l’appalto e la buona conduzione dei lavori sono il viatico per il completamento di tante opere necessarie alla cittadinanaza.

Una buona e preparata “burocrazia” doveva  facilitare  corretti rapporti fiduciari  e di stima reciproca,  tra “amministratori” e “amministrati”.

Perfino l’indagine  di Repubblica  di qualche anno fa sul personale degli Enti Locali del Mezzogiorno  ci riproponeva,  in modo brutale, il tema dell’assenteismo e della “virtuosità” .

Più vi sono dipendenti  frutto di  partitocrazia, caste familiari “discendenze obbligate” più aumenteranno  protezionismo, protervia e parassitume.

Il tema del’assenteismo e della meritocrazia  non è mai stato affrontato seriamente.

Il tema dei Fannulloni non è stato neanche sfiorato dalla nostra classe dirigente.

Classe dirigente di dubbia professionalità.

Nelle nostre “insane” abitudini locali accettiamo rassegnati questo modus operandi come segni del “destino”.

Oggi non dovrebbe essere più così dopo lo sfogo di Vita.

L’obbligo degli orari di lavoro  deve essere valido per tutti e non  un  puro optional.

Molti dipendenti filtrati dai partiti  stentano a governare i processi odierni della macchina amministrativa.

Il sottogoverno regionale  non ha mai attivato  seriamente “reti e  progetti comunitari”.

Questa incresciosa situazione fornisce l’alibi ad Amministratori, senza scupolo, per marginalizzare le vere  “professionalità interne”  e aprire agli incarichi esterni .(vedi Consorzi di bonifica del Vulture e i novi milioni di debiti riscontrati).

Se esse non sono valorizzate adeguatamente sarà difficile creare il percorso virtuoso e la condivisione degli atti e dei fatti “economici locali”.

Troppi   “incarichi esterni” e  troppe esternalizzazioni dei servizi  producono l’attuale status quo.

Troppe volte è intevenuta la Corte dei Conti.

Purtroppo, anche,  in Basilicata  l’assenteismo del personale   ha raggiunto picchi insostenibili.

Se non fosse per “quell’agguerito plotone di funzionari ligi al dovere ” il nostro cahier des doleances” sarebbe fittissimo di “buchi neri non coperti”.

Eppure alcuni funzionari regionali esperti di  Fondi europei  erano l’orgoglio delle nostre popolazioni locali.

Gli amministratori locali  lucani, fino agli inizi degli anni novanta,  fondavano il loro successo politico, sul senso del dovere e del fattivo impegno di questi funzionari seri e preparati.

Le amministrazioni locali si misuravano sul  grado di conoscenza e di competenza esercitato dai seri dipendenti.

Sembra un secolo ma, fino a qualche decennio fa, i  Comitati Civici, i Patronati assistenziali per gli anziani  i Centri Sociali locali e  i Comitati locali di sostegno allo Sviluppo  erano organizzati ed animati da funzionari Comunali.

La figura del funzionario  nei nostri Comuni  enei nostri organismi subregionali copriva e surrogava le defaillances di uno Stato “padrone” e assenteista.

La figura del funzionario preparato  supportava eventuali manchevolezze degli Amministratori locali.

Oggi quell’immane impegno è stato sostituito da “scollamento e disistima reciproca tra lavoratori”.

Un egoismo mutuato, da forme di cinismo, ha preso il posto del rapporto amicale e fraterno di qualche anno fa.

Sembra che regni sovrana la “discordia”.

Tutti armati di rabbia e pronti  a  “denunce” e a  “vertenze”.

Un clima di solidarietà e di reciproco aiuto è per sempre bandito.

Al contrario si avverte un clima di ostilità,  mai domo.

Chi paga questo infernale status quo?

Su chi si riflette questo negativo modus operandi?

Certamente sui più deboli e sugli ultimi.

Oggi, putroppo, i temi dello sviluppo lucano non potranno più  partire nè dal subgoverno regionale (come avveniva con l’ESAB di Scardaccione) nè dagli Enti Locali.

Troppi sono i Piani “sociali” e i Progetti  vanificati da una assurda gestione approssimativa degli Enti Locali e delle  Agenzie subregionali.

Bisognerebbe invertire del tutto l’attuale modus operandi e  coinvolgere in forma adeguata e sostanziale i  seri e competenti funzionari ,fuori partito e  fuori sindacato .( ammesso che ve ne siano).

Tutti  i cittadini avvertono questo disagio.

Tutti i cittadini  avvertono questa grave forma di scollamento.

Tutti i cittadini lucani hanno preso coscienza che incarichi e consulenze sono gravate da ulteriori forme di tassazione.

Siamo coscienti che il Subgoverno regionale  pur in presenza di tanta contribuzione a fondo perduto (trenta milioni di euro all’anno))non ha creato nuovi rapporti con  l’Unibas.

Unibas che accomula risorse regionali pubbliche senza un serio riscontro e senza una seria analisi costi/benefici.

Ognuno lavora (è un eufemismo) in sordina.

Tale tendenza è stata  richiamata ultimamente  e lucidamente  dai Rapporti Istat, Svimez,  Unioncamere ecc. .

Perfino il tasso di analfabetizzazione è rimasto inalterato nei nostri Comuni.

Allora qual’è il vero rischio?

Un rischio che, incosapevolmente, si trascina da decenni e che è diventato l’incubo di tanti cittadini , dotati di buona volontà, che mal si adeguano alle carenze strutturali dei nostri Enti sub regionali  e mal sopportano l’incuria e la superficialità dei nostri Comuni.

L’incubo, ancora oggi, è rappresentato dalla  loro scarsa capacità di spesa e da  una ulteriore  incapacità di gestione e di impatto progettuale con la committenza locale.

Si esternalizza in un crescendo di interventi avulsi dalla realtà quotidiana.

Sono queste le vere motivazioni di una  vera debàcle, sempre più manifesta, delle nostre realtà territoriali dove, purtroppo, da sempre  regna incontrastata e  sovrana una “oligarchia di professionisti locali ” lenta a morire.

Una “oligarchia” che non è stata per niente scalfita  nè dalle  timide lenzuolate  di Bersani nè dalla famosa “agenda Giavazzi”.

Una “oligarchia” fatta di gruppi di pressione e di piccole lobbies che esercitano i loro privilegi sotto forma di “diritti”, senza alcun mandato popolare, con la pretesa di agire nell’interesse della  intera comunità lucana.

Una “oligarchia” che non ha arretrato di un centimetro la propria presenza e il proprio ruolo.

Pari opportunità, reciprocità, affiancamento, nuovo sistema di relazioni, sono slogan presenti solo  in qualche Focus con Barca.

Un nuovo sistema di relazioni che faccia leva sui seri obiettivi e sui risultati è una pura utopia in Basilicata.

Potremo cavarcela con una semplice ricetta: “Basterebbe fare il contrario dell’esistente e chiudere definitivamente con autoprotezioni e privilegi”.

Sarebbe troppo comodo da parte nostra auspicare una rivoluzione copernicana al riguardo, ma, ripensare all’intero sistema lucano delle protezioni, della rappresentanza e del merito non è più peregrino e non rappresenta  più una utopia.

Oggi, la globalizzazione prima e l’Unione europea dopo, ci impongono  di coinvolgere le istituzioni  e le realtà  economiche locali e, soprattutto, di mettere in campo le energie migliori, per chiudere, definitivamente,  con  lentezze, furbizie, egoismi e protervie e clientele ingiustificate (vedi ARPAB) .

Farsi promotori di questo nuovo  “ruolo guida” significherà per il nuovo Governatore della regione Basilicata  creare la vera “Regione senza Confini e senza sudditanze”.

Una regione LIBERA, CONSAPEVOLE e AUTODETERMINATA.

E’ una scommessa che si può vincere  e che non può più  essere vanificata da mezzi uomini, da arredi umani,da demagogie , da interventi dilatori e da  tribalità varie.

Mauro.Armando.Tita@alice.it

56
0

Post Correlati

Lascia una Risposta

Categorie

Instagram

Arriva il natale, magia di eventi a Ruvo del Monte.
#nonfarteloraccontare❗️ #mercatinidinatale #animazionebimbi #burattini
Arriva il natale, magia di eventi a Ruvo del Monte.
#nonfarteloraccontare❗️ #mercatinidinatale #animazionebimbi #burattini

Arriva il natale, magia di eventi a Ruvo del Monte.
#nonfarteloraccontare❗️ #mercatinidinatale #animazionebimbi #burattini

56
0
1 giorno fa
View on Instagram |
1/9
Tramonto ruvese.
Buona domenica!
Grazie per aver immortalato questo bellissimo momento.
Pic @antonio_cenni

Tramonto ruvese.
Buona domenica!
Grazie per aver immortalato questo bellissimo momento.
Pic @antonio_cenni

56
0
3 giorni fa
View on Instagram |
2/9
Intitolazione dell'anfiteatro alle vittime del 23 novembre 1980.
#ruvodelmonte #intitolazione #vittime

Intitolazione dell'anfiteatro alle vittime del 23 novembre 1980.
#ruvodelmonte #intitolazione #vittime

56
0
4 giorni fa
View on Instagram |
3/9
Il Rufria...
La squadra, con i dirigenti e il mister.

#cheese #forza #squadra #noitifiamoruvo #ruvodelmonte
📷 @giotri97

Il Rufria…
La squadra, con i dirigenti e il mister.

#cheese #forza #squadra #noitifiamoruvo #ruvodelmonte
📷 @giotri97

56
0
1 settimana fa
View on Instagram |
4/9
A.S.D. RUFRIA 2018
Ecco i convocati per la gara di coppa.
20 novembre ore 16.00 SAN FELE

A.S.D. RUFRIA 2018
Ecco i convocati per la gara di coppa.
20 novembre ore 16.00 SAN FELE

56
0
2 settimane fa
View on Instagram |
5/9
Buongiorno amici.

Buongiorno amici.

56
0
2 settimane fa
View on Instagram |
6/9
Buongiorno.
#proloco #ruvodelmonte #timeless #clock #basilicataturistica

Buongiorno.
#proloco #ruvodelmonte #timeless #clock #basilicataturistica

56
0
2 settimane fa
View on Instagram |
7/9
" ti insegneranno a non splendere.
E tu, splendi invece."
#ruvodelmonte #prolocounpli #basilicataturistica #basilicatadascoprire #lucaniagram 
Grazie @giovannigraziadei per questo scatto.
@lucanum_ @ig_basilicata_ @basilicatawelcome @basilicataturistica @basilicataeventi @basilicata_dascoprire

" ti insegneranno a non splendere.
E tu, splendi invece."
#ruvodelmonte #prolocounpli #basilicataturistica #basilicatadascoprire #lucaniagram
Grazie @giovannigraziadei per questo scatto.
@lucanum_ @ig_basilicata_ @basilicatawelcome @basilicataturistica @basilicataeventi @basilicata_dascoprire

56
0
2 settimane fa
View on Instagram |
8/9
<< Buona notte Madonnina mia,
Tu sei la Mamma mia:
Immacolata Concezione dammi la santa benedizione: nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.>>

<< Buona notte Madonnina mia,
Tu sei la Mamma mia:
Immacolata Concezione dammi la santa benedizione: nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.>>

56
0
3 settimane fa
View on Instagram |
9/9

Spot Proloco Ruvo

Archivi

Le nostre Nuove Storie

11
11
11
11
11
11
11
11
11