La smisurata relazione programmatica di Pittella e l’ammissione del Flop del Memorandum

Pubblicato in grande Evidenza con relativa foto sul Quotidiano

La parziale ammissione del flop del Memorandum da parte del Governatore e le generiche linee di intervento a tal riguardo non sono foriere di speranza sul nostro immediato futuro economico-produttivo.

La “esorbitante” e smisurata relazione programmatica di Pittella pur nella sua abnorme ampiezza non ci ha chiarito i passaggi concreti  e operativi del “fu” Memorandum.

Non abbiamo ancora  compreso come la Regione riuscirà a farsi garantire un futuro di dignitose royalties in una vera, disastrosa e perdurante situazione ammministrativa regionale.

Il “wiki – Lucania” di qualche tempo fa ci  aveva confuso, ma ci aveva anche  rasserenato.

Ci aveva confuso  perchè avevamo scoperto che il nostro petrolio era al centro di ambigui  rapporti internazionali e di trasversali triangoli (Russia-Turchia-Germania) mai chiariti.

Ci aveva rasserenato perchè  il nostro greggio non era considerato tra i “migliori”.

Ci si nascondeva dietro il dito delle cosiddette “riserve energetiche nazionali”.

Oggi, le denunce del Governatore sulla mancata applicazione del Memorandum  acquistano un sapore particolare.

La Basilicata, mera espressione geografica, non ha mai conosciuto l’elementare correttezza di rapporti tra le nostre  istituzioni regionali e quelle dei governi nazionali di centro-destra e di centro-sinistra.

Il Centro-sinistra lucano ha  sempre glissato sull’argomento. Poche le  informative e pochi gli approfondimenti seri.

Il centro-destra non lo ha mai preso in seria considerazione nonostante il fatuo Memorandum.

Perfino, Scajola, già ministro dello sviluppo economico, (quello della casa acquistata al Colosseo) si era guardato bene dal rispondere alle oneste  interrogazioni  a Lui rivolte dagli ex parlamentari PDL lucani.

Berlusconi che conosceva bene il Progetto South Streem  non aveva mai proferito un timido “grazie” alla Basilicata e alla sua popolazione disagiata da tanti “fumi”. Lo stesso dicasi del caro Letta.

Eppure la nostra regione aveva conosciuto caro Marcello Pittella momenti iniziali di euforia e di esaltazione con relativa e troppo ammiccante “desueta” sudditanza.

Aveva prevalso la legge del “Totem nero”, come definito dal Prof Alliegro dell’Università di Napoli sul Quotidiano di qualche anno fa.

Il Totem nero si era insediato indisturbato tra faggi e cerri, tra pascoli e sorgenti, tra campi coltivati e nuovi insediamenti artigianali, industriali e produttivi, in genere, senza pagare alcun fio e senza innalzare quel tenore e qualità di vita agognato da tutti  i lucani della Val d’Agri.

Oggi ci ritroviamo con momenti di  gravissimo “sconforto sociale” e con casi ambigui di società delle mogli e dei figli confermati dal caso Mazziotta. Tutto in continuità “didattica”.

La popolazione della Val d’agri  ha preso consapevolezza e sono nati tanti comitati civici spontanei che denunciano ogni minuto su facebook l’attuale status quo, caratterizzato da: “Meno lavoro e più tumori, Meno terre da coltivare e più Espropriazioni”.

Ogni giorno il Comitato dei socialnetwork organizza e blocca nuove trivellazioni.

Questi Comitati ci ricordano che con la legge del Totem nero si è completato un processo di un Texas lucano, privo di una vera filiera.

Oggi il Governatore con la sua ammissione di fallimento del Memorandum ci fa, ancora, più GIUSTIZIA e ci conferma i nostri dubbi di sempre.

Lo sviluppo della Val d’Agri è una mera chimera. Gli ultimi dati sono disarmanti.

Interi nuclei familiari hanno ripreso l’odiata valigia.

Le royalties hanno fatto prevalere azioni municipali di piccolo cabotaggio e di  interventi  di basso profilo, senza alcun “respiro” e senza alcun effetto moltiplicatore.

Sono nate piccole cattedrali nel deserto con tanti impianti sportivi, senza il necessario bussiness plan, e, soprattutto, senza aver programmato seriamente i conseguenti alti costi di gestione.

Le royalties quelle indirizzate economicamente all’innovazione e agli investimenti produttivi languono da tempo.

A tal proposito bisogna far rilevare che milioni di euro giacciono inutilizzati nelle casse interessate.

Completa questo quadro desolante la mancanza di una legge regionale al riguardo.

La Basilicata, la regione europea con maggiore concentrazione di attività petrolifera su terra ferma, non si è ancora dotata di alcuna strumentazione legislativa specifica.

Lo abbiamo denunciato  da secoli (caduto nell’oblìo di sempre).

A tutto ciò fa da contraltare una immotivata “gelosia” tra i territori e Sindaci interessati e territori contermini.

Conferma cruda e disarmante della figliopoli di Tempa rossa targate Total e della Società delle mogli targate ENI.

Per rispondere a questa annosa questione dobbiamo far ricorso come nel recente passato ad Alessandro Baricco e i suoi “Barbari”.

Lo slogan “Padrone a casa mia” e le già menzionate azioni municipali di basso cabotaggio e di tribale familismo uniti  agli egoismi di sorta non sono certamente forieri di progetti di/ad ampio respiro.

In un simile contesto i vari, Geostock, ENI e Total avranno sempre  Buon gioco.

I marciapiedi continueranno ad essere rinnovati e lucidi i giovani intelllettuali preferiranno il disgustoso e mai amato esodo.

Un Patto e una sinergia condivisa tra territori cozzeranno con il modus operandi delle Amministrazioni Comunali interessate.

Amministrazioni che, forse, ancora oggi, nonostante wiki lucania, nonostante tante nubi minacciose, intensificheranno i rapporti con le aziende estrattrici  con accordi  sempre più  stretti e sempre più  chiusi, a discapito dei buoni propositi, auspicati dalle  poche “forze sane” della Basilicata.

In questa oggettiva situazione incresciosa resta il solo dato della desolante ripresa dell’esodo e del mancato miracolo che non si è mai tradotto in vero Sviluppo Economico e Sociale.

Il Totem nero del petrolio e del gas che non porta lavoro ha solo creato “La guerra tra i poveri”, “un’ aria irrespirabile”, qualche sospettoso aumento di “malattie tumorali” e tanti  ambigui intrighi internazionali, poco chiari e poco comprensibili…alla maggioranza silenziosa dei lucani.

Ora che  il Governatore ha  pure ammesso il fallimento del Memorandum non ci resta che ARRENDERCI (non solo  a cinque stelle o a Grillo, ma ai Forconi di casa nostra).

mauro.armando.tita@alice.it

50
0

Post Correlati

Lascia una Risposta

Categorie

Instagram

#forzaruvo #partita

#forzaruvo #partita

50
0
1 giorno fa
View on Instagram |
1/9
I paesi lucani
quando stai per arrivare
un pò si allontano.
Forse è timidezza.
Cit.
Buongiorno da #ruvodelmonte

I paesi lucani
quando stai per arrivare
un pò si allontano.
Forse è timidezza.
Cit.
Buongiorno da #ruvodelmonte

50
0
3 giorni fa
View on Instagram |
2/9
Alza gli occhi al cielo.
L’arcobaleno... simbolo di speranza.
#ruvodelmonte #ilmiopaese #terraditradizione #photooftheday #proloco 
#Thanks

Alza gli occhi al cielo.
L’arcobaleno… simbolo di speranza.
#ruvodelmonte #ilmiopaese #terraditradizione #photooftheday #proloco
#Thanks

50
0
5 giorni fa
View on Instagram |
3/9
Arriva il natale, magia di eventi a Ruvo del Monte.
#nonfarteloraccontare❗️ #mercatinidinatale #animazionebimbi #burattini
Arriva il natale, magia di eventi a Ruvo del Monte.
#nonfarteloraccontare❗️ #mercatinidinatale #animazionebimbi #burattini

Arriva il natale, magia di eventi a Ruvo del Monte.
#nonfarteloraccontare❗️ #mercatinidinatale #animazionebimbi #burattini

50
0
7 giorni fa
View on Instagram |
4/9
Tramonto ruvese.
Buona domenica!
Grazie per aver immortalato questo bellissimo momento.
Pic @antonio_cenni

Tramonto ruvese.
Buona domenica!
Grazie per aver immortalato questo bellissimo momento.
Pic @antonio_cenni

50
0
1 settimana fa
View on Instagram |
5/9
Intitolazione dell'anfiteatro alle vittime del 23 novembre 1980.
#ruvodelmonte #intitolazione #vittime

Intitolazione dell'anfiteatro alle vittime del 23 novembre 1980.
#ruvodelmonte #intitolazione #vittime

50
0
1 settimana fa
View on Instagram |
6/9
Il Rufria...
La squadra, con i dirigenti e il mister.

#cheese #forza #squadra #noitifiamoruvo #ruvodelmonte
📷 @giotri97

Il Rufria…
La squadra, con i dirigenti e il mister.

#cheese #forza #squadra #noitifiamoruvo #ruvodelmonte
📷 @giotri97

50
0
2 settimane fa
View on Instagram |
7/9
A.S.D. RUFRIA 2018
Ecco i convocati per la gara di coppa.
20 novembre ore 16.00 SAN FELE

A.S.D. RUFRIA 2018
Ecco i convocati per la gara di coppa.
20 novembre ore 16.00 SAN FELE

50
0
3 settimane fa
View on Instagram |
8/9
Buongiorno amici.

Buongiorno amici.

50
0
3 settimane fa
View on Instagram |
9/9

Spot Proloco Ruvo

Archivi

Le nostre Nuove Storie

11
11
11
11
11
11
11
11
11