Lettera aperta al neo Sindaco Altobello

 

Carissimi,
Spero che questa mia “lettera aperta” al neo Sindaco Altobello sia, prodromica, per costruire (dopo tante fallimentari gestioni amministrative lavellesi), un discorso unitario (in special modo sul caso Fenice) con tutti i Comuni del Melfese. 
Ciao, Armando

La tenuta del PD con il caso emblematico di Pignola non può essere annoverata come mera vittoria di Pirro, anzi, va  sottolineato con onestà  che gli amministratori locali del PD sono stati bravissimi e hanno creato un vero effetto placebo.

Il caso Pignola, gravissimo sul piano politico, si può giustificare grazie a un vuoto organizzativo delle sezioni locali del PD.

Un caso gravissimo  confermato da una “ignavia” dirigenziale terrificante (risultano incompresi i  comportamenti pilateschi di tutta la classe dirigente regionale e nazionale).

Dobbiamo constatare che, pur, in presenza di questi bubboni, il PD lucano riesce a confermare successi e vittorie inaspettate,  grazie al  radicamento sul territorio dei suoi uomini migliori.

Il caso di Lavello con il ritorno del “trombone”(lo dico  con simpatia), ma, “super radicato” neo Sindaco  Altobello , dimostra quello che nella mitologia greca succedeva a tanti strani esseri come la Medusa, mostro dalle nove teste.

Qualsiasi testa venisse tagliata  alla Medusa , subito ne rinascevano due.

Poi ci pensò  Perseo, che, con una furbata, riuscì a mozzare, definitivamente, la testa della stessa Medusa, guardandola da uno scudo lucido.

In Basilicata non vi sono nè Perseo nè scudi lucidi.

Da anni ci sforziamo di dimostrare concretamente con gli atti e i fatti che il nostro amato Vulture Melfese al quale si richiama pure il Comune di Lavello  non gode più di quei  cicli riformisti di spessore del ventennio passato.

Siamo consapevoli che i meravigliosi anni settanta  sono un caro ricordo.

Siamo consapevoli che da decenni non esprimiamo uomini e donne di spessore e siamo immersi in un presunto riconoscimento  politico che si ciba di qualche modesto posto di sottogoverno oggi rinsaldato dalla presenza di due parlamentari SEL (Placido e Barozzino).

Negli anni scorsi abbiamo fatto leva sugli olimpionici Cammarelle e Cancellara, sicuri di aver inorgoglito tanta popolazione vulturina e del melfese.

Il caso Fenice, al contrario, ci aveva rattristato.

Le povere mamme del lavellese, protagoniste della lotta contro i Veleni della Fenice, furono lasciate  sole a scioperare con la  nostra sparuta presenza di uomini di buona volontà.

Nè il Pd nè le tante forze ambientaliste avevano supportato le coraggiose  mamme lavellesi.

Noi speriamo in una inversione di tendenza e speriamo che  il neo Sindaco Altobello  riprenda questa seria vertenza solidarizzando con le   volenterose e coraggiose mamme, sue concittadine.

Le crude denunce del Quotidiano del recente passato  sul mercurio  sfornato dal “tamburo rotante” integrati dagli ultimi angosciosi  dati forniti dall’Arpab aggravano ancora di più la gravissima  emergenza ambientale della Piana di San Nicola e dell’area di bacino di Gaudiano.

Precedentemente avevamo contezza che con la diossina  e con l’acqua di falda inquinata, non si doveva e non si poteva più scherzare.

Non  si  doveva  rinviare sine die l’annoso problema.

Se pensiamo che i primi patogeni risultati di una tale sciagurata conduzione sono riferibili ai veleni trasferiti sul nostro bel territorio vulturino e lavellese sin dall’anno 2002, la frittata è quasi completa.

Pur tuttavia, caro Sabino,  non amiamo la denuncia fine a se stessa.

Amiamo da sempre la proposta.

Amavamo tanto il distretto della corsetteria e il protagonismo della CNA lavellese.

Una stagione felice  con  tanta occupazione  in una realtà produttiva di grandi prospettive di sviluppo.

Prosepttive  che sono evaporate sia nell’artigianato che nell’agrindustria.

Con Altobello si dovrebbero riaprire  idee e progetti concreti sperimentati  nel passato anche nel nostro Vulture .Progetti che hanno avuto  una buona ricaduta occupazionale.

Al contrario, tante recenti progettualità,dedicate alle PMI vulturine, purtroppo, lo dobbiamo ricordare, a noi stessi e ai neo Sindaci, hanno scontato la cosiddetta  mancata capacità di impatto.

Tante nostre proposte non sono mai state indirizzate al nuovo processo di globalizzazione.

Oggi paghiamo, amaramente, caro Sabino,  lo scotto di mancati investimenti produttivi e di qualità, rivolti alla risorsa umana.

Siamo ancora alla ricerca, dopo venti anni di ambiguo sviluppo industriale e con le tante nubi che si addensano sulla FIAT/SATA  di un vero e peculiare modello industriale e, soprattutto,”agrindustriale”,che riguarda Lavello e il suo hinterland.

Purtroppo,  una sospetta contaminazione delle falde freatiche da parte della Fenice condiziona enormemente questo vincente e competitivo  comparto produttivo lavellese.

Una contaminazione fatta di tante parole ed assurdi silenzi.

Solo a distanza di otto lunghi anni  l’AD della  Fenice esce dal suo dorato isolamento e apre al territorio.

Da un ventennio avevamo denunciato oltre ai veleni della Fenice anche  il silenzio furbo  della Fiat SATA.

Il mercurio, di oggi, sommato ai   sospetti casi di  tumori e  diossina denunciati dalle mamme lavellesi e rilevati da scrupolosi addetti ai lavori ci allarmano ancora di più.

Sono passati altri due anni  per avere contezza solo parzialemnte degli interventi di messa in sicurezza degli impianti di cui si discorre e di ipotetici risultati della Commissione d’inchiesta.

Bisogna ricordare ai politici e agli smemorati che  solo dopo venti anni l’AD Fenice e il management Fiat hanno investito  3,5 milioni di euro per ripristinare la rete di tubi che trasportano le cosiddette acque tenologiche.

Acque tecnologiche che vengono utilizzate per l’abbattimento dei fumi.

Sempre agli smemorati bisogna ricordare che la perdita sarebbe avvenuta a dieci metri di profondità del sottosuolo…con gravi conseguenze per il sottosuolo lavellese, in primis.

Il mercurio di oggi potrebbe sembrare  una “variante” episodica.

Così non è.

Abbiamo bisogno, oggi ,dopo le denunce del Quotidiano  di chiarire il rinnovo dell’AIA (autorizzazione di Impatto Ambientale), scaduta nel 2010 e prorogata dalla Provincia di Potenza, in via provvisoria, fino al 2020 (sic).

Con tutta questa massa di dati, documentazioni e monitoraggi vogliamo sperare che nel prossimo futuro non ci saranno più omissioni e silenzi furbi e che  le analisi dovranno, ob torto collo, continuare a essere serie, rigorose e affidabili.

L’angoscioso problema dell’inquinamento Fenice è prodromico per un costruttivo e propositivo rapporto Fiat/Territorio, Lavello compreso.

Se Fiat-Sata e Fenice lo dobbiamo ricordare al neo Sindaco Altobello  avessero  coltivato  un minimale,  corretto e “democratico” rapporto con il Territorio e con gli Enti Locali del Bacino  non ci saremmo trovati con questo patogeno inquinamento e con tutta la carica dei sospetti di sorta.

Il “Territorio” non avrebbe mai consentito concentrazioni di mercurio, solventi e metalli pesanti (queste cose, caro Sabino, le abbiamo denunciate nel lontano 2009).

La lezione della Fenice ci ammonisce e ci invita ad essere uniti, indignati e reattivi.

Uniti, indignati e reattivi per chiudere con questo “patogeno” passato,  e, soprattutto,  per proteggere, adeguatamente,  il nostro amato e genuino  territorio vulturino  e  di Lavello e per dare  le  giuste e sacrosante prospettive di futuro ai nostri figli e alle nostre amate nuove generazioni.

Un Vulture orgoglioso sul piano industriale integrato da un produttivo  comparto agrindustriale di Lavello possono essere il motore  economico-industriale della Regione con uomini di spessore, dignità e competenza.

Un Vulture e una realtà lavellese chiamati  a condividere, oggi,  il vecchio percorso virtuoso tracciato dai nostri amati parlamentari di spessore, come  Francesco Saverio Nitti (Presidente del Consiglio ) e  Giustino Fortunato (Senatore del Regno).

mauro.armando.tita@alice.it    {jcomments off}

70
0

Post Correlati

Lascia una Risposta

Categorie

Instagram

Buongiorno.
" almeno una volta all'anno vai in un posto dove non sei mai stato prima"
#ruvodelmonte #paese #borghitalia
#Thanks 
Ph. @denjagaia 
@yallersbasilicata @basilicataturistica @basilicataturismo @basilicata_mania__ @basilicata_photogroup @basilicata_in_uno_scatto_

Buongiorno.
" almeno una volta all'anno vai in un posto dove non sei mai stato prima"
#ruvodelmonte #paese #borghitalia
#Thanks
Ph. @denjagaia
@yallersbasilicata @basilicataturistica @basilicataturismo @basilicata_mania__ @basilicata_photogroup @basilicata_in_uno_scatto_

70
0
2 giorni fa
View on Instagram |
1/9
#forzaruvo #partita

#forzaruvo #partita

70
0
3 giorni fa
View on Instagram |
2/9
I paesi lucani
quando stai per arrivare
un pò si allontano.
Forse è timidezza.
Cit.
Buongiorno da #ruvodelmonte

I paesi lucani
quando stai per arrivare
un pò si allontano.
Forse è timidezza.
Cit.
Buongiorno da #ruvodelmonte

70
0
5 giorni fa
View on Instagram |
3/9
Alza gli occhi al cielo.
L’arcobaleno... simbolo di speranza.
#ruvodelmonte #ilmiopaese #terraditradizione #photooftheday #proloco 
#Thanks

Alza gli occhi al cielo.
L’arcobaleno… simbolo di speranza.
#ruvodelmonte #ilmiopaese #terraditradizione #photooftheday #proloco
#Thanks

70
0
7 giorni fa
View on Instagram |
4/9
Arriva il natale, magia di eventi a Ruvo del Monte.
#nonfarteloraccontare❗️ #mercatinidinatale #animazionebimbi #burattini
Arriva il natale, magia di eventi a Ruvo del Monte.
#nonfarteloraccontare❗️ #mercatinidinatale #animazionebimbi #burattini

Arriva il natale, magia di eventi a Ruvo del Monte.
#nonfarteloraccontare❗️ #mercatinidinatale #animazionebimbi #burattini

70
0
1 settimana fa
View on Instagram |
5/9
Tramonto ruvese.
Buona domenica!
Grazie per aver immortalato questo bellissimo momento.
Pic @antonio_cenni

Tramonto ruvese.
Buona domenica!
Grazie per aver immortalato questo bellissimo momento.
Pic @antonio_cenni

70
0
2 settimane fa
View on Instagram |
6/9
Intitolazione dell'anfiteatro alle vittime del 23 novembre 1980.
#ruvodelmonte #intitolazione #vittime

Intitolazione dell'anfiteatro alle vittime del 23 novembre 1980.
#ruvodelmonte #intitolazione #vittime

70
0
2 settimane fa
View on Instagram |
7/9
Il Rufria...
La squadra, con i dirigenti e il mister.

#cheese #forza #squadra #noitifiamoruvo #ruvodelmonte
📷 @giotri97

Il Rufria…
La squadra, con i dirigenti e il mister.

#cheese #forza #squadra #noitifiamoruvo #ruvodelmonte
📷 @giotri97

70
0
3 settimane fa
View on Instagram |
8/9
A.S.D. RUFRIA 2018
Ecco i convocati per la gara di coppa.
20 novembre ore 16.00 SAN FELE

A.S.D. RUFRIA 2018
Ecco i convocati per la gara di coppa.
20 novembre ore 16.00 SAN FELE

70
0
3 settimane fa
View on Instagram |
9/9

Spot Proloco Ruvo

Archivi

Le nostre Nuove Storie

11
11
11
11
11
11
11
11
11