L’operaio IVAM . il Rapporto Unioncamere negativo e i nuovi modelli creativi dell’intellettuale lucano

L’intervista di Rai 3 Basilicata di qualche giorno fa all’operaio IVAM ci ha fatto riflettere oltremodo.

Per la prima volta un operaio non inveisce contro le istituzioni regionali in forma qualunquistica o pietistica ,ma, al contrario  interviene con determinazione, tanto acume e  tanta perspicacia   sul modus operandi politico lucano.

L’operaio IVAM con nostra grande sorpresa  ha pronunciato questa cruda frase:

“Vogliamo essere giudicati sulla base  dei risultati conseguiti  e sugli obiettivi economici raggiunti non su falsi  “riscontri” di natura   politica. Politica di basso cabotaggio che non ha più “ragion d’esistere…”

E’ la prima volta che un operaio di spessore e  di grande dignità si esprime senza infingimenti di sorta con chiarezza e con  schiena dritta.

Bando alle demagogie , bando alle sudditanze psicologiche di partitocratica memoria, bando alla sub-cultura del privilegio di filiera.

Il tema del “Culto del Privilegio” in Basilicata  e nel Mezzogiorno, ancora oggi,in tutte le sue espressioni politico-istituzionali, compresa l’Università di Basilicata rappresenta , purtroppo, uno spaccato della nostra scialba vita lucana.

Quel  culto che non riesce a sradicarsi dalle viscere malate di una democrazia  lucana incompiuta da sempre.

Una democrazia definita dall’amico  Ribba , nei mesi scorsi,  una sorta di socialismo burocratico temperato da elementi di pseudo mercato”.

Piccoli segnali e timidi movimenti civici locali ci fanno capire che la superficialità e il fatalismo  sono banditi per sempre.

Forse , tanti  lucani seriamente impegnati nel Volontariato   vorrebbero , finalmente, voltare pagina.

Desiderano  ardentemente una Regione   ” seriamente democratica e di diritto”.

Dopo il rapporto UNIONCAMERE che ha fatto rilevare nei primi mesi  del 2012 una  contrazione del 2% del nostro PIL abbiamo urgente bisogno di voltare pagina.

Neanche il  nostro “PIL drograto” (vedi  FIAT SATA) riesce a dare  il segno “più”.

La Basilicata dopo anni di risultati piatti ( economia di tipo flat)  è in forte recessione.

La Basilicata secondo Unioncamere ha il dato più negativo del Mezzogiorno …sia in termini occupazionali sia in  crescita economica.

Tanti  lucani, ironicamente parlando,  hanno capito come sopravvivere allo sviluppo e hanno  riscoperto  Serge Latouche e la “sua”  decrescita.

Quei lucani alla Latouche vogliono una nuova esistenza fatta di comunione e di condivisione con una burocrazia  e una dirigenza umanizzata.

Umanizzata dal lievito del fare e del realizzare cose concrete che si assommano alla cultura del territorio.

Cultura del territorio vilipesa da modelli oligarchici e  tardo  putiniani.

La classe dirigente lucana si ostina a creare modelli senza valori e far prevalere l’interesse corporativo rispetto al bene comune.

La vicenda delle nomine dei boiardi regionali e i pasticci dirigenziali  ne sono la conferma più fedele.

Oggi c’è bisogno di riportare nel Mezzogiorno e nella Basilicata, in particolare, una fiducia e una visione non più appannata.

C’è bisogno di motivare i giovani e le imprese culturali che hanno una forte tradizione creativa.

Non bisogna tralasciare il sistema museale della nostra Regione.

Una forte tradizione creativa  che  supporti l’apertura notturna dei nostri presidi culturali deve chiudere definitivamente con le approssimazioni e i pressappochismi di oggi,  ed aprire con  un nuovo rinascimento lucano.

Un rinascimento che investa  sulle tante bellezze artistiche, archeologiche,  paesaggistiche e naturali.

E’ da un decennio che il pianeta dei giovani lucani ha tralasciato questo importante settore cardine.

Un settore che porta occupazione, effetto indotto e moltiplicatore.

Un settore che produce creatività.

Una creatività che unisca tutti gli elementi esistenti  con connesioni nuove ed utili (compresi i mega contenitori culturali, in primis il “Cecilia”).

Le categorie del nuovo e dell’utile devono radicarsi nella società lucana.

Il “nuovo” deve essere concepito come proposta che abbia a cuore efficienza, efficacia, innovazione e creatività.

L'”utile” è connesso con la comprensione delle difficoltà esistenti e con il riconoscimento delle nuove proposte e delle nuove strategie da porre in essere  con un serio processo creativo.

Un processo creativo che superi l’odierno e  negativo agire politico lucano, impregnato di pigrizie e di tante diffidenze.

Per queste serie motivazioni occorre reinventare un serio mangement culturale, tutto lucano.

Un management, unito da  performances creative (come quelle dimostrate nell’ultimo “ponte” del primo maggio),  che dia risposte concrete alla gravissima disoccupazione intellettuale e  che supporti il sistema museale lucano, aperto e innovativo, voluto dal Ministero e dai nostri eccellenti presidi culturali.

Supportare tante belle performances culturali fa parte della natura del giovane intellettuale  lucano.

Giovane intellettuale che ha nel suo bagaglio professionale  talento e creatività.

Quel talento e quella creatività che sono come le nostre  fonti selvaggie e naturali da cui sgorga sempre acqua fresca e trasparente.

mauro.armando.tita@alice.it

37
0

Post Correlati

Lascia una Risposta

Categorie

Instagram

Arriva il natale, magia di eventi a Ruvo del Monte.
#nonfarteloraccontare❗️ #mercatinidinatale #animazionebimbi #burattini
Arriva il natale, magia di eventi a Ruvo del Monte.
#nonfarteloraccontare❗️ #mercatinidinatale #animazionebimbi #burattini

Arriva il natale, magia di eventi a Ruvo del Monte.
#nonfarteloraccontare❗️ #mercatinidinatale #animazionebimbi #burattini

37
0
1 giorno fa
View on Instagram |
1/9
Tramonto ruvese.
Buona domenica!
Grazie per aver immortalato questo bellissimo momento.
Pic @antonio_cenni

Tramonto ruvese.
Buona domenica!
Grazie per aver immortalato questo bellissimo momento.
Pic @antonio_cenni

37
0
3 giorni fa
View on Instagram |
2/9
Intitolazione dell'anfiteatro alle vittime del 23 novembre 1980.
#ruvodelmonte #intitolazione #vittime

Intitolazione dell'anfiteatro alle vittime del 23 novembre 1980.
#ruvodelmonte #intitolazione #vittime

37
0
4 giorni fa
View on Instagram |
3/9
Il Rufria...
La squadra, con i dirigenti e il mister.

#cheese #forza #squadra #noitifiamoruvo #ruvodelmonte
📷 @giotri97

Il Rufria…
La squadra, con i dirigenti e il mister.

#cheese #forza #squadra #noitifiamoruvo #ruvodelmonte
📷 @giotri97

37
0
1 settimana fa
View on Instagram |
4/9
A.S.D. RUFRIA 2018
Ecco i convocati per la gara di coppa.
20 novembre ore 16.00 SAN FELE

A.S.D. RUFRIA 2018
Ecco i convocati per la gara di coppa.
20 novembre ore 16.00 SAN FELE

37
0
2 settimane fa
View on Instagram |
5/9
Buongiorno amici.

Buongiorno amici.

37
0
2 settimane fa
View on Instagram |
6/9
Buongiorno.
#proloco #ruvodelmonte #timeless #clock #basilicataturistica

Buongiorno.
#proloco #ruvodelmonte #timeless #clock #basilicataturistica

37
0
2 settimane fa
View on Instagram |
7/9
" ti insegneranno a non splendere.
E tu, splendi invece."
#ruvodelmonte #prolocounpli #basilicataturistica #basilicatadascoprire #lucaniagram 
Grazie @giovannigraziadei per questo scatto.
@lucanum_ @ig_basilicata_ @basilicatawelcome @basilicataturistica @basilicataeventi @basilicata_dascoprire

" ti insegneranno a non splendere.
E tu, splendi invece."
#ruvodelmonte #prolocounpli #basilicataturistica #basilicatadascoprire #lucaniagram
Grazie @giovannigraziadei per questo scatto.
@lucanum_ @ig_basilicata_ @basilicatawelcome @basilicataturistica @basilicataeventi @basilicata_dascoprire

37
0
2 settimane fa
View on Instagram |
8/9
<< Buona notte Madonnina mia,
Tu sei la Mamma mia:
Immacolata Concezione dammi la santa benedizione: nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.>>

<< Buona notte Madonnina mia,
Tu sei la Mamma mia:
Immacolata Concezione dammi la santa benedizione: nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.>>

37
0
3 settimane fa
View on Instagram |
9/9

Spot Proloco Ruvo

Archivi

Le nostre Nuove Storie

11
11
11
11
11
11
11
11
11