Miko Somma e il familismo

La lucida conferenza stampa di Miko Somma ha riproposto la crudeltà del familismo amorale lucano, duro a morire.

Familismo, causa principale dei nostri mali.

Siamo da secoli impegnati a denunciare tale malefico fenomeno sociale.

Da anni seguiamo il caso Petrolio dall’Osservatorio della Comunità Lucana No Oil di Miko Somma.

Non seguiamo  sicuramente le fascinazioni e gli aquiloni.

Sappiamo che le  mancate promesse occupazionali sul Petrolio sono aggravate dalla perdita di oltre 9000 addetti nella PMI lucana.

Abbiamo bisogno di gente seria e competente e non di demagoghi di ritorno.

Miko Somma ha confermato  la lucida analisi di qualche mese fa del Prof Percoco, docente  della Bocconi, editorialista del Sole 24 ore, lucano di origine.

Per il Prof Percoco oltre  ai problemi strutturali e  alle ridotte dimensioni delle nostre PMI, l’altro aspetto patogeno è dato,  senza alcun dubbio, ancora, oggi, dal ” familismo”.

Familismo che è diventato patogeno in Basilicata, più di altre regioni del  Sud e dello stesso  Nord  leghista.

Un pullulare di “discendenze” che condiziona enormemente il gracile sistema economico lucano.

A tutto ciò si sono assommati per decenni quei  finanziamenti  in conto capitale, meglio conosciuti,  come  “fondo perduto” (di nome e di fatto).

Finanziamenti, barbaramente,  “piovuti” con la 488 per  supportare  una ” fragile economia informale” e  un  “localismo economico”  già garantito dai protettori di sempre”.

Tutto cò  ha creato una sorta di “blocco”.

Un blocco che si è protratto per diversi anni, fino ai giorni nostri, senza aver creato alcun serio  “effetto moltiplicatore”.

Gli effetti di tale sciagurata e cinquantennale politica industriale  si giustifica con un DISASTRO ASI,  le cui conseguenze le paghiamo, amaramente, ancora, oggi.

Ecco un’altra “forte motivazione” della crisi odierna delle PMI lucane.

Siamo vissuti e stiamo vivendo  con serie  contraddizioni di  mercato  che vedono, nonostante,  le  gravissime frizioni sindacali,  la sola  Fiat “guidare” l’ intera economia e il  drogato “PIL” lucano.

Un PIL che fa leva sulle esportazioni della grande industria  e che ha poco da spartire con il nostro “localismo” produttivo e con le nostre piccole e medie realtà industriali ed artigianali.

Constatazioni ormai divenute ataviche e noiose.

Non siamo mai riusciti ad  imporre il nostro tessuto connettivo e produttivo.

Il  già Presidente  della Confindustria lucana Martorano e  i successori   Carraro e Somma dovevano  rispondere su questo  “PIL drogato”   e sull’assoluta mancanza di “indotto” lucano nelle aree della “Grande Industria”.

Non abbiamo  ricevuto altro che “SILENZIO ASSORDANTE”.

Oggi, più, di prima, sia Miko Somma che  il prof Percoco ci confermano che bisogna cambiare strutturalmente il sistema produttivo locale.

Un sistema che non garantisce  una crescita di lungo periodo.

Una crescita che deve diventare  stabile e duratura e non provvisoria ed episodica.

Il fulcro di tale crescita  è certamente dato  dalla fuoriuscita dal bieco familismo nostrano.

Un familismo che fa perdurare  questa politica dell’improvvisazione.

Un familismo che non potrà mai mettere in campo talento, concorrenza e ricerca continua.

Talento concorrenza e ricerca che devono essere patrimonio dell’Università lucana, beneficiaria, tra l’altro,  di tanti e tanti  milioni di contributi regionali.

Milioni di contributi regionali  che non devono solo  garantire  i cinquantadue docenti, ma, devono  costruire, finalmente,  il  controllo di gestione ( quello da noi agognato da secoli e oggi richiesto pure  da Miko Somma e Percoco) della cosa pubblica.

Un controllo di gestione sulla miriade di enti inutili e di spezzatini anticostituzionali.

Se ci fosse stato un serio controllo di gestione e una seria  analisi costi-benefici non avremmo avuto tanti pateracchi all’AGROBIOS.

Solo in questo modo i  RISULTATI potevano essere trasparenti e  palpabili senza alcun sospetto di sorta.

L’ultimo SOS lanciato da tanti  lucani  delusi e poco  rassegnati come noi,  va in questa direzione.

Abbiamo tralasciato una seria  politica sui  nostri prodotti di nicchia, che si sono sempre più sfaldati nel “mercato globale”.

Ora nutriamo una  residua  speranza sulla vera  “rifondazione” delle nostre PMI,  con un vero sistema di trasporti, di telecomunicazioni e di ricerca supportato  dalla nostra UNIBAS  e ,in special modo , dalle Facoltà di Economia e Ingegneria.

Lo speriamo e lo auspichiamo , profondamente,  perchè non ci fidiamo del  management dell’Area Science Park di Trieste e di “Basilicata Innovazione” e delle loro sporadiche presenze sul territorio.

Basilicata Innovazione deve , fra l’altro, uscire dal guscio della “odierna  timidezza”, grazie a un serio protocollo di intesa con l’UNIBAS.

UNIBAS che deve fornire riscontri e consuntivi in tempi non biblici e non inferiori a un semestre.

Basilicata Innovazione deve   supportare una nuova  economia di consumi, non  più voluttuari,  e fare leva su  veri imprenditori che orientino i loro prodotti verso nuovi mercati e nuova  concorrenza.

Siamo perplessi per la  sola produzione di Latte d’Asina.

Basilicata Innovazione deve essere in grado di incentivare solo quelle imprese  in grado di  stipulare  accordi  con realtà economiche,  presenti nel mercato globale.

Solo con questa nuova “metodologia” Basilicata Innovazione con la regia dell’UNIBAS  potrà far uscire, definitivamente , la Regione dalle annose questioni dell’intervento a pioggia e potrà superare  familismi e  corporazioni,  sempre in agguato.
Un mercato siffatto , “aperto, protagonista e vincente” potrà creare vera  innovazione  di processo e di prodotto e vera ricerca .

Innovazione e ricerca che faranno uscire l’UNIBAS e il sistema produttivo lucano  definitivamente  da un mercato precario e poco garantito per il  futuro.

Per fare questo occorre investire sui nuovi manager e sulle nuove professioni, sull’information technology che muove i primi passi in Basilicata.

Noi siamo  fermamente convinti che  Miko Somma auspica, come noi, uomini con schiena dritta , tanta ricerca e tanta trasparenza.

Come pure siamo convinti che  tanti Percoco vorrebbero ritornare  a condizione che vinca il talento e la dignità professionale.

Dignità professionale che non deve cozzare con i familismi e le “furbe mosche cocchiere”.

Mosche cocchiere, annidate, da secoli, nella dirigenza lucana, garantita  da un protezionismo politico, ormai desueto, e, purtroppo,  mai domo.

Riusciremo in questo intento, se, all’interno dell’UNIBAS, di Basilicata Innovazione e  delle imprese più innovative sarà avvertita l’esigenza di promuovere una nuova stagione di offerte economiche.

Offerte economiche in grado di creare effetto moltiplicatore e occupazione.

Effetto moltiplicatore posto in essere  da serie  Imprese  capaci di inserirsi concretamente  nel mercato globale e capaci ,soprattutto,  di dare un taglio definitivo  alla   ricerca spasmodica di  sterili incentivi.

Sterili incentivi inseriti in una politica assistenziale  che Roberto Speranza defini,  qualche tempo fa,  meramente COMPENSATIVA.

mauro.armando.tita@alice.it

88
0

Post Correlati

Lascia una Risposta

Categorie

Instagram

Arriva il natale, magia di eventi a Ruvo del Monte.
#nonfarteloraccontare❗️ #mercatinidinatale #animazionebimbi #burattini
Arriva il natale, magia di eventi a Ruvo del Monte.
#nonfarteloraccontare❗️ #mercatinidinatale #animazionebimbi #burattini

Arriva il natale, magia di eventi a Ruvo del Monte.
#nonfarteloraccontare❗️ #mercatinidinatale #animazionebimbi #burattini

88
0
1 giorno fa
View on Instagram |
1/9
Tramonto ruvese.
Buona domenica!
Grazie per aver immortalato questo bellissimo momento.
Pic @antonio_cenni

Tramonto ruvese.
Buona domenica!
Grazie per aver immortalato questo bellissimo momento.
Pic @antonio_cenni

88
0
3 giorni fa
View on Instagram |
2/9
Intitolazione dell'anfiteatro alle vittime del 23 novembre 1980.
#ruvodelmonte #intitolazione #vittime

Intitolazione dell'anfiteatro alle vittime del 23 novembre 1980.
#ruvodelmonte #intitolazione #vittime

88
0
4 giorni fa
View on Instagram |
3/9
Il Rufria...
La squadra, con i dirigenti e il mister.

#cheese #forza #squadra #noitifiamoruvo #ruvodelmonte
📷 @giotri97

Il Rufria…
La squadra, con i dirigenti e il mister.

#cheese #forza #squadra #noitifiamoruvo #ruvodelmonte
📷 @giotri97

88
0
1 settimana fa
View on Instagram |
4/9
A.S.D. RUFRIA 2018
Ecco i convocati per la gara di coppa.
20 novembre ore 16.00 SAN FELE

A.S.D. RUFRIA 2018
Ecco i convocati per la gara di coppa.
20 novembre ore 16.00 SAN FELE

88
0
2 settimane fa
View on Instagram |
5/9
Buongiorno amici.

Buongiorno amici.

88
0
2 settimane fa
View on Instagram |
6/9
Buongiorno.
#proloco #ruvodelmonte #timeless #clock #basilicataturistica

Buongiorno.
#proloco #ruvodelmonte #timeless #clock #basilicataturistica

88
0
2 settimane fa
View on Instagram |
7/9
" ti insegneranno a non splendere.
E tu, splendi invece."
#ruvodelmonte #prolocounpli #basilicataturistica #basilicatadascoprire #lucaniagram 
Grazie @giovannigraziadei per questo scatto.
@lucanum_ @ig_basilicata_ @basilicatawelcome @basilicataturistica @basilicataeventi @basilicata_dascoprire

" ti insegneranno a non splendere.
E tu, splendi invece."
#ruvodelmonte #prolocounpli #basilicataturistica #basilicatadascoprire #lucaniagram
Grazie @giovannigraziadei per questo scatto.
@lucanum_ @ig_basilicata_ @basilicatawelcome @basilicataturistica @basilicataeventi @basilicata_dascoprire

88
0
2 settimane fa
View on Instagram |
8/9
<< Buona notte Madonnina mia,
Tu sei la Mamma mia:
Immacolata Concezione dammi la santa benedizione: nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.>>

<< Buona notte Madonnina mia,
Tu sei la Mamma mia:
Immacolata Concezione dammi la santa benedizione: nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.>>

88
0
3 settimane fa
View on Instagram |
9/9

Spot Proloco Ruvo

Archivi

Le nostre Nuove Storie

11
11
11
11
11
11
11
11
11